Radio Digitalia NEWS - RADIO DIGITALIA Internet Radio La web radio Anni 60, 70, 80

MENU'
mail
mail
Ascolta le nostre Radio
RADIO DIGITALIA Musica-Italiana
-
Oggi è  , sono le ore
Ascolta le nostre Radio
RADIO DIGITALIA Ricordi
-
Oggi è  , sono le ore
Ascolta le nostre Radio
RADIO DIGITALIA Festival
-
Oggi è  , sono le ore
mail
ASCOLTA
MENU'
Ascolta le nostre Radio
RADIO DIGITALIA Musica-Italiana
-
Oggi è  , sono le ore
Ascolta le nostre Radio
RADIO DIGITALIA Ricordi
-
Oggi è  , sono le ore
Ascolta le nostre Radio
RADIO DIGITALIA Festival
-
Oggi è  , sono le ore
Vai ai contenuti

Beppe Dettori & Raul Moretti - Ballu

RADIO DIGITALIA Internet Radio La web radio Anni 60, 70, 80
Pubblicato da RADIO DIGITALIA in Novità · 23 Marzo 2020
Tags: beppedettoriraulmorettiBallu
Beppe Dettori & Raul Moretti - Ballu

La storica voce dei Tazenda e l'arpista italo-elvetico omaggiano l'indimenticabile cantautrice sarda Maria Carta.
In questo lavoro il duo ha cercato di mantenere una linea sonora personale, facendo coesistere diverse tradizioni culturali distanti geograficamente, ma vicine nello spirito.
Si snoda tra innovazione e la matrice identitaria tradizionale, l'omaggio che Beppe Dettori e Raoul Moretti rendono alla grande artista di Siligo.
Sette brani del repertorio tradizionale della Carta e un inedito: "Ombre", tratto da una poesia meravigliosa che apre il libro "Canto Rituale" e che descrive una Maria, bimba di otto anni, che alle 5 del mattino andava al fiume a lavare i panni, distante 4 km dal paese. Nel tragitto intonava i canti a "voce delirante" per proteggersi e per scacciare le paure date dai rumori del crepuscolo, le ombre, gli spettri, i fantasmi della fantasia di una bimba che anziché rientrare in casa e cercare protezione, affrontava con coraggio da leonessa, col carattere che, poi, la accompagnerà in tutto il corso della sua esistenza come artista, donna e madre.


La bibliografia, gli aneddoti, le testimonianze di affetto e stima sono tutelati, custoditi e pubblicati dalla Fondazione Maria Carta con sede in Siligo, suo paese natale, e che ha voluto fortemente la realizzazione di questo lavoro.
La canzone dell’indimenticata cantautrice sarda Maria Carta, reinterpretato dal duo composto dalla storica voce dei Tazenda e dall’arpista italo-elvetico.Il singolo anticipa l’album“(IN) CANTO RITUALE - Omaggio a Maria Carta” in uscita il 27 marzo.

Il brano ha l’energia e l’allegria di una danza carica di speranza e di visioni legate ad un mondo futuristico. Un ballo in lingua sarda ritmato e forsennato, capace di portare la mente lontano dal corpo e diventare quasi un atto meditativo, con cui le piccolezze terrene perdono significato e si fortifica la coscienza. Musicalmente un incedere quasi “progressive” che porta a un finale travolgente.

L'altoparlante




Nessun commento
Torna ai contenuti