La storia di Rv1 - RADIO DIGITALIA Internet Radio

MENU'
mail
ASCOLTA
mail
mail
ASCOLTA
MENU'
Vai ai contenuti
Jazz
DiscoMusic
Italiana
L'avventura inizia nel lontano giugno del 1976, quando in FM a Genova, ma un po' in tutta Italia, vi era il deserto. L'idea di "aprire" un'emittente radiofonica locale viene a Sergio, Gianni e pochi altri ragazzi tutti di eta' compresa tra i 17 e 25 anni.
Ed ecco che in un batter d'occhio, grazie alla passione per la musica da parte di alcuni, la passione per l'elettronica di altri iniziano le trasmissioni, con una manciata di 45 giri presi in casa, un giradischi una piastra a cassette.

Il mixer, il trasmettitore sono autocostruiti. Si decide di chiamare l'emittente Radio Master 76. Mantenere accesa un'emittente radiofonica e' un impegno gravoso e l'avventura sembra destinata a naufragare dopo pochi mesi. Ma la voglia di fare radio e' tanta.
Nel dicembre dello stesso 1976 si riparte e scaramanticamente si decide di cambiare il nome della radio. Siamo alla fine del mese di dicembre del 1976, iniziano le trasmissioni ufficiali di Radio Voltri Uno.
Quegli anni, come gia' detto, la banda FM era pressoche' deserta e con pochi watts di potenza si coprivano vaste aree di territorio. Ma servono ugualmente risorse economiche, servono gli impianti, serve una sede. Per quanto riguarda quest'ultima, si passa rapidamente dall'essere ospiti in una stanza della locale sezione del PSI (ma la radio non e' mai stata politicizzata), al campanile della Chiesa di Crevari (paesino sulle alture di Genova Voltri), ad un locale della Croce Rossa di Genova Voltri.
E' doveroso ricordare che, soprattutto per volonta' di Gianni il nostro tecnico, sono state effettuate anche diverse sperimentazioni di trasmissioni televisive (da qui' il nome Teleradio Voltri Uno) sui canali UHF 34 e 40.
A malincuore si sospesero presto le trasmissioni per dedicare maggiori risorse alla radio. Ma anche questa parentesi fa parte della storia di Teleradio Voltri Uno, tra il 1977 e il 1981....
Alla fine degli anni 70 si approda in un locale in disuso presso i capannoni ex Ansaldo di Genova Voltri a condizioni molto vantaggiose. Qui' si rimane per pochi anni, quando lo sfratto da parte del Comune di Genova che doveva effettuare in quella sede i lavori per la costruzione di una biblioteca civica (oggi Biblioteca Rosanna Benzi), porta alla desolazione.
Sembra che per Radio Voltri sia giunta la fine.
Non si poteva certo pensare di affittare un locale e aumentare i costi di gestione.
RV1 era un passatempo, un servizio pubblico certo, ma per gli addetti era un hobby.
Ma il Comune di Genova e la Circoscrizione di Genova Voltri trovano una soluzione: si apprda in via al Santuario delle Grazie (nei pressi della Villa Duchessa di Galliera a Voltri).
Il locale ha bisogno di lavori di ripristino ma non ci si perde d'animo e ci si rimboccano le maniche per rendere abitabili e dignitosi quei locali.
Si festeggiano cosi, con la nuova sede, i primi 5 anni di Radio Voltri Uno.

In questi primi anni hanno collaborato con Radio Voltri Uno, tutti a livello amatoriale e gratuitamente, molte persone. Sergio, Mirella, Paolo detto Camon, Gianni, Angelo, Romano, Riccardo, Marino (il regista che ogni speaker vorrebbe), Sergio 2, Formichino, Gianfranco, Wolf, Clara, Patrizia, Walter e tanti altri. Tutti saltuariamente, tutti nel tempo libero.
Ma per fare una radio non basta ancora, anche perche' nel frattempo la banda FM si e' popolata e cosi' le interferenze aumentano, farsi sentire e' sempre piu' difficile. Occorrono dei ripetitori sulle colline, occorre piu' potenza,servono risorse....
Siamo nei primissimi anni 80.

I fondatori della radio accusano i primi sintomi di stanchezza. Troppi problemi, troppo impegno.
Si va avanti a fatica ma si va avanti. Alcuni se ne vanno altri arrivano. Tra i nuovi arrivi due quasi diciottenni, Salvatore e Federico. Studenti, tempo libero abbastanza per entrare in organico e iniettare un po' di energia.
Prendono in mano, insieme ad Angelo e Sergio, il palinsesto e la pubblicita'.

Si da una rinfrescata ai programmi, e soprattutto ci si mette d'impegno a procacciare pubblicita'.
Si potenzia il ripetitore con la sempre attenta supervisione del tecnico Gianni, e si affrontano cosi' tutti gli anni 80.
Si inizia a fare un po' piu' sul serio, anche perche' le emittenti in FM si sono moltiplicate, cresce la professionalita' e ci si deve adeguare, altrimenti si chiude.
Si costruisce un palinsesto ricco di programmi con vecchi e nuovi collaboratori tra questi Franco alias Jhonny99, Tommy, Eros, Ciottolino, Ferruccio, Federico, Gianfranco, Pino, Roberto, Daniela, Claudia, la caromante Sara, gli Aedi con il programma di musica dialettale la domenica mattina, Jimmy, Sergio, Angelo e altri ancora. Sono forse gli anni piu' floridi di Radio Voltri Uno.
Nessuno si arricchisce ma per lo meno entrano dalla pubblicita' le risorse per trasmettere.
Si trasmette 24 ore su 24, si organizzano giochi in diretta e c'e' un sempre crescente consenso di pubblico....
Sergio, Angelo, Federico, Salvatore e la parte tecnica sempre affidata a Gianni, ognuno con compiti ben precisi, si porta avanti la "macchina" di Radio Voltri Uno fino alla fine degli anni 80.
In questo periodo comincia a pesare il fatto che in FM arrivano sempre piu' emittenti nazionali che spazzano via sempre piu' emittenti locali. Sono radio per lo piu' milanesi che arrivano dapprima in Liguria e poi rapidamente in tutta Italia portando via risorse pubblicitarie alle sempre piu' piccole emittenti locali. Prima che sia il tempo a logorarci sempre piu' si decide di affiliare i nostri impianti alla emergente Radio Italia SMI, che dal 1989 iniziava a propagare il proprio segnale il tutta Italia.
Si decide di cessare le trasmissioni di Radio Voltri Uno per fare spazio alla nuova radio nazionale. Il 28 dicembre 1989, nel pomeriggio, la prima canzone trasmessa dal network milanese sulle frequenze di RV1.
Si vive una rapida espansione territoriale a coprire quasi capillarmente le province di Genova, Savona e Imperia e Radio Italia con noi diventa la radio piu' ascoltata in Liguria (traguardo mai piu' raggiunto in futuro), poi nel 93 si decide di affidare direttamente alla rete la gestione degli impianti FM e occuparci esclusivamente della raccolta pubblicitaria. Nel 1991 si trasferiscono gli uffici in un bellissimo appartamento in palazzina d'epoca in via Chiaramone a Voltri. Sono anni importanti, e per alcuni la radio diventa prima occupazione.
Poi, nel 2004, per motivi vari, si chiude ogni rapporto con il mondo della radio, ma la passione e' troppa e dopo 5 anni di astinenza, nell'estate del 2009, eccoci con RV1 sul web.
RV1 ritorna, sottoforma di sito internet, facebook e naturalmente con le trasmissioni via internet. Naturalmente l'auspicio e' quello di ritrovarci attorno a questo progetto, alla riscoperta dei nostri vecchi ascoltatori e alla ricerca di molti nuovi fan della mitica Radio Voltri Uno.

Immagini di un'avventura

Quattro amici, un mixer e tanta musica.

Una bella foto dello studio di trasmissioni dal 1981 al 1989

Personaggi

Alcuni dei personaggi che hanno fatto Radio Voltri Uno, quelli di cui abbiamo trovato notizie su una pubblicazione uscita ad hoc, dedicata ai personaggi della Radio.
Chi-nella-radio_Angelo_web.png
Chi-nella-radio_Fede_web.png
Chi-nella-radio_Gian_Gian.jpg
Ch-nella-radio_web.png
Chi-nella-radio_Crevatin_web.png
Chi-nella-radio_Sergio_web.png
Chi-nella-radio_Zucca_web.png
Palinsesto-tipo-meta-anni80_web.png
Torna ai contenuti